Per innovare chiediti: “Sono felice?” – II parte

Luigi Mercuri – manager trentanovenne originario di Assisi – fondatore di CooksApp e VentiEvènti è l’unico rappresentante fra le aziende del territorio umbro ad essere stato prescelto per portare il suo contributo al fianco degli imprenditori della Community OSA in quest’ultima collaborazione editoriale.

Vi presentiamo la parte conclusiva del capitolo a lui dedicato nel volume “Come ce l’hanno fatta 70 imprenditori italiani – atto III”, recentemente pubblicato.

[…] Da quel giorno la mia vita professionale e personale cambiò per sempre.
Da quel giorno scelsi di scegliere. E scelsi i miei sogni.
Non fu facile sedermi a quel tavolo davanti ai miei genitori che mi ascoltavano attoniti mentre dicevo loro che non credevo più in quella realtà vincente che avevano fondato 35 anni prima.
Fu difficile per i miei accettare tutto questo. E non potevo certo biasimarli dato che era stato difficile anche per me riuscire ad accettare e a rispettare le mie stesse scelte.
Come prevedevo mi ritrovai tutti contro: familiari, amici, parenti, compaesani, tutti erano convinti di sapere meglio di me cosa fosse giusto per la mia vita, e tutti si sentivano in diritto di giudicare la mia scelta.

Quello, il 2015, fu l’anno in cui potei buttarmi anima e corpo in COOKSAPP, l’azienda che avevo fondato nel 2010, con la quale portai la ristorazione in centinaia di ville private in tutta Italia dedicandomi al turismo internazionale enogastronomico di alto profilo e creando, di fatto, una delle realtà italiane più grandi dedicate al private chef e al turismo enogastronomico esperienzale. Un mercato che cresce a doppia cifra ogni anno.
Grazie a questa esperienza e alle competenze acquisite in grandi aziende anche estere e nell’attività di famiglia, mi sono reso conto che il mio settore è ancora aperto all’innovazione.

Seguendo la logica del “from competition to coopetition” del professore e cavaliere Paolo Taticchi, nel 2018 mi sono posto l’obiettivo di creare un market place unico per tutti gli attori nel settore eventi e congressi, dando vita alla prima on Live Event Planner (O.L.E.P.).

Avevo creato il primo partner commerciale di tutti quelli che prima venivano visti solo come concorrenti, che ha modificato completamente il mio modello di business, facendomi passare da un’azienda di catering a supply chain, dall’offine all’online.
Ho colto un’opportunità e sono riuscito a metterla a sistema. E grazie all’innovazione tecnologica sono riuscito a diventare un veicolo commerciale non solo per i miei ex concorrenti ma anche per i miei fornitori o collaboratori.
Ho così permesso loro di risparmiare tempo e denaro nella gestione del cliente e nella ricerca di partner e attività commerciali, e smettere di essere dei meri “preventivifici”per dedicarsi veramente allo sviluppo delleloro competenze personali e professionali. Noi ci occupiamo del cliente e delle sue esigenze prima, durante e dopo l’evento (meeting, congressi, piccoli eventi leisure, matrimoni, ecc).

E tu sei felice? Se la prima risposta che ti detta l’istinto è “No”, smetti immediatamente di fare quello che stai facendo, qualunque sia il prezzo che dovrai pagare, e fermati ad ascoltare te stesso. Per chi stai facendo davvero tutto questo?

Hai solo questa vita, non puoi sprecarla a fare qualcosa che non ti rende felice. Probabilmente sarà una scelta che ti costerà cara, ma sarà appunto una scelta. La tua scelta. Un gesto d’amore verso te stesso, la persona con la quale dovrai convivere per il resto della tua vita.

Se vuoi vivere in una società migliore, più etica e rispettosa delle persone, devi partire da te. Non puoi ignorare i tuoi bisogni e i tuoi desideri. Non puoi mancare di rispetto a te stesso, solo perché qualcuno – in buona fede, sia chiaro – ha fatto delle scelte al posto tuo. Segui i tuoi valori e allora sì che potrai essere parte di un cambiamento più grande, che coinvolga anche il resto del mondo.

Se vuoi fare impresa devi farlo solo per te, non per appagare le aspettative della tua famiglia o della società. Devi fare impresa per pura gioia, per la tua felicità, per il tuo equilibrio, per i tuoi obiettivi.
E non chiederti se quella potrebbe essere una scelta sbagliata: chi può decidere cosa è giusto o sbagliato per te, se non tu? Come potresti risultare credibile agli occhi degli altri se sei tu il primo che non crede in se stesso?

“Ama il prossimo tuo come te stesso” dice un noto comandamento. Per amare il prossimo devi quindi, prima di tutto, riuscire ad amare te stesso, ciò che sei, le tue aspirazioni, la strada che ti sei scelto, la tua visione, i tuoi desideri, la tua salute e, perché no, perfino i tuoi errori.

E ricorda: tu non sei un imprenditore. Tu sei tu, e fai l’imprenditore. E’ diverso. Tu sei una persona fisica, il tuo lavoro è una persona giuridica.
Questa visione ti permetterà di non sentirti schiacciato sotto le dinamiche che riescono sempre a sopraffarti e a farti sentire inadeguato.
E se avrai tutti contro? Succederà quasi sicuramente. Ma vedrai che quando sarai felice tu, indipendentemente dai risultati che avrai ottenuto, saranno felici tutte le persone che ti circondano.

I miei consigli:

Evolviti per innovare. Un’evoluzione continua giorno dopo giorno, attimo dopo attimo, scelta dopo scelta, respiro dopo respiro, ti porterà una costante e continua innovazione. Ogni giorno hai questa bellissima opportunità: rinnovarti per rinnovare. Solo se sei sereno, con un’ottica più lucida e un’azione meditata puoi vedere le opportunità che gli altri non vedono, adottare il “Lateral thinking” che non tutti possono scorgere perché troppo stressati dal loro ambiente o da loro stessi.

Fatti le domande giuste. Più che di call to action mi piace parlare di “call to question”, perché diventi veramente migliore non quandocompi le giuste azioni ma quando sei in grado di porti le giuste domande potenzianti, quelle che ti aprono la strada alle risposte più giuste per te, per la persona che sei oggi e per quella che vuoi diventare.

Assumiti la piena responsabilità di ogni tua emozione, scegli chi puoi e vuoi essere e smettila di dare la responsabilità dei tuoi stati emotivi agli altri, altrimenti saranno loro a decidere per la tua vita. Sei consapevole di ogni gesto che fai? Riesci a razionalizzare ogni tuo respiro?
Riesci a consapevolizzare ogni parola che dici? Ogni singola azione deve essere meditata perché il tuo atteggiamento deve poter condizionare positivamente tutte le persone che hai intorno. Così
anche gli altri potranno ottenere il massimo da loro stessi.
L’unico modo per essere felice con te stesso, libero da paure, retaggi e condizionamenti, l’unico modo per poter fare solo quello che vuoi veramente fare, è credere che farlo sia la cosa giusta per te.

Chi è Luigi Mercuri
Laureato in Economia e gestione servizi turistici e con un master in Business Administration, nel 2010 Luigi Mercuri rileva l’azienda di famiglia realizzando il primo salotto ristorante nel centro Italia, vincitore di un campionato Italiano di pizzeria e valutato dalla stampa come uno dei migliori 100 ristoranti in Umbria.
Ideatore di COOKSAPP, portale vetrina che raccoglie chef free lance a disposizione per cene “casalinghe”, nonché un vero e proprio servizio di catering a livello nazionale strutturato su una rete di professionisti free lance e fornitori food & wine, nel 2018 Luigi Mercuri fonda la E20 Srl con il marchio Ventievènti, il primo On Line Event Planner.

Acquista il libro su www.lafeltrinelli.it.

I proventi del libro verranno destinati all’Associazione Mariana Opere nel mondo Onlus.

back to top